L'acqua, problemi e soluzioni - FS Multiservizi, la soluzione ai problemi dell'acqua

multiservizi

Fs

La soluzione ai problemi dell'acqua
Vai ai contenuti

Cosè l'acqua

FS Multiservizi, la soluzione ai problemi dell'acqua
Pubblicato da in Ecologia e ambiente · 8 Gennaio 2019
Tags: Cos'èl'acqua
  Cos’è l’Acqua

Gli articoli che in questa prima fase intendo pubblicare vogliono affrontare poco per volta riguardano un tema importante per la salute delle persone e cioè quello dell’acqua. Ciò sarà propedeutico per meglio comprendere gli argomenti che andrò a trattare in seguito e che si occuperanno della depurazione delle acque primarie, soprattutto per uso domestico, cercando di spiegare i vari tipi  di trattamento oggi disponibili, quali la disinfezione, ultrafiltrazione, microfiltrazione ed osmosi, e dei pro e contro per la salvaguardia della salute nel bere l’acqua del rubinetto di casa.

Quando l’argomento cade sull’acqua, viene spontaneo pensare all’Ossido di idrogeno (H2O).
In realtà non si trova mai allo stato puro in natura e neanche in laboratorio. Le acque naturali sono in realtà soluzioni saline, la cui concentrazione può variare da valori minimi, come l’acqua di pioggia, fino a valori elevatissimi, come l’acqua di mare e in talune acque salmastre superficiali e sotterranee.

Per riassumere, quindi, quanto detto sopra, l’acqua di per sé è uguale, si distingue soltanto per il suo contenuto salino che la differenzia in acqua dolce (quella usata a scopi alimentari), salmastra e salina.

Il contenuto di sali dell’acqua è dovuto essenzialmente al suo contatto più o meno prolungato con le rocce. Per meglio comprendere la capacità dell’acqua di arricchirsi di sali  bisogna partire dalla sua composizione molecolare.

L’acqua è composta da due atomi di idrogeno e una di ossigeno. La particolarità di questo elemento è dato dall’angolo di valenza che non è esattamente di 90° bensì di 105°, e ciò a causa della natura polare della sua molecola; per la sua maggiore elettronegatività, l’ossigeno tende ad attrarre verso si sé gli elettroni e la carica positiva residua sui nuclei di idrogeno provocando la loro repulsione reciproca e di conseguenza l’ampliamento dell’angolo di valenza.

Questa struttura dipolare dell’acqua le permette la formazione di legami di idrogeno tra le molecole. I nuclei di idrogeno, infatti, trovandosi in posizione esposta, possono esercitare un’attrazione sugli atomi di ossigeno delle molecole vicine.



Voto: 0.0/5
Torna ai contenuti